Kika

Kika, dall’amicizia di João Gilberto, all’Afrosampa con Criolo e Kiko Dinucci, dal disco di successo Para Viagem all’ultimo capolavoro Navegante.

Continua...
Voto 65%

Dancê

Dancê (2015), ultima fatica discografica dell’artista, è un piano aperto, ad inquadrare il mondo. Danzante, così lo definisce Tulipa ed in effetti il titolo è eloquente almeno quanto le undici tracce che lo compongono.

Continua...

Filipe Catto

Filipe Catto, classe 87, è cantante, compositore, artista eclettico, contraltista delicato e gaucho con orgoglio latino. Sicuramente uno degli artisti più interessanti della nuova scena musicale brasiliana, Filipe si distingue per originalità compositiva e per raffinatissima verve interpretativa che, negli anni, gli hanno permesso di raggiungere il grande successo che merita. La carriera professionale è iniziata nel 2009, quando l’artista brasiliano lancia in rete il brano Saga. Il successo del brano è così grande che il brano entra nella colonna sonora della novela Cordel Encantado. Nello stesso momento, la Universal Music si interessa alla musica di Catto tanto che nel 2011 l’artista...

Continua...

Tulipa Ruiz

Figlia di Luiz Chagas – già chitarrista di Itamar Assumpção – e sorella di Gustavo Ruiz -compositore e produttore musicale di successo nella scena indipendente paulistana -, Tulipa Ruiz non poteva che cedere al fascino ammaliante della musica. Prima o poi. L’impegno musicale a tempo pieno, infatti, arriva piuttosto tardi, all’età di 31 anni. Fino ad allora l’illusione dell’artista era che la musica fosse soltanto un rifugio privilegiato nel quale nascondersi dopo le ore di lavoro in un agenzia pubblicitaria di São Paulo. Sbagliava. Nel 2009, infatti, un memorabile concerto al Teatro Oficina è punto di partenza per una carriera brillante....

Continua...

Os Argonautas

Ciurma di cinque marinai – Federica D’Agostino (voce), Domenico Lopez (chitarra classica), Giulio Vinci (chitarra classica ed elettrica), Alessandro Mazzacane (violoncello e basso elettrico) e Giovanni Chiapparino (percussioni, fisarmonica, basso elettrico, elettronica) – Os Argonautas sono l’espressione più autentica dell’eccellenza italiana in fatto di musica. Quella stessa eccellenza che ha permesso alla musica italiana di varcare i confini nazionali ed essere apprezzata in tutto il mondo. Quella stessa sublime arte, la musica, che in Italia si credeva persa e che invece fiorisce in questa florida realtà barese. La musica degli Os Argonautas ha il profumo del mare. Quello che da Bari si spinge verso il Mediterraneo, che si insinua negli anfratti delle sue coste,...

Continua...

Adriano Grineberg

La musica può cambiare la vita. Per il bluesman paulistano Adriano Grineberg a cambiare le cose è stato un concerto. Erano da poco iniziati gli anni ’90 e al Ginásio do Ibirapuera, nel contesto del Blues Festival di São Paulo, si esibivano giganti del blues del calibro di Magic Slim, Bo Diddley e Koko Taylor. Tra il pubblico, per il giovane Adriano fu un colpo di fulmine. La carriera di Grineberg inizia così all’età di 16 anni. Da allora, il pianista e compositore brasiliano ha collezionato una serie di collaborazioni importanti con artisti brasiliani e americani tra i quali vanno citati Irmandade do Blues, Corey Harris, John...

Continua...

Blubell

Se nel resto del mondo il sostantivo bluebell identifica un piccolo fiore di colore azzurro, in Brasile lo stesso nome scritto in maniera leggermente differente – Blubell – è lo pseudonimo di una raffinatissima cantante che spazia dalla mpb al jazz. Al secolo Isabel Fontana Garcia, paulistana di adozione, Blubell è la sintesi perfetta di teatro e musica. La sue performance, infatti, sono un tuffo nel passato, in quei cabaret anni ’50 con l’odore del whiskey e del fumo e il canto soave del jazz. Da sempre ispirata da grandi nomi della musica nordamericana come Charlie Parker e Liza Minelli, l’avvicinamento alla musica...

Continua...

Emicida

La voce degli ultimi della periferia nord di São Paulo ha un volto, quello di Emicida. All’anagrafe Leandro Roque de Oliveira, il rapper paulistano è il megafono attraverso il quale si propaga la sua rabbia della periferia. Sulla scena indipendente, quella del freestyle, dal 2006, Emicida si consacra come musicista professionista  tre anni più tardi con il singolo Triunfo. Il videoclip, lanciato su Youtube, totalizza oltre due milioni di visualizzazioni. Nonostante il successo, Emicida rimane legato alla periferia e alla scena indipendente. La sua prima registrazione ad essere commercializzata è una mixtape dal titolo Pra quem já Mordeu um Cachorro por Comida, até que eu Cheguei Longe…,...

Continua...

Luiz Melodia

Si dice che il samba sia nato nella zona nord di Rio de Janeiro. Nel quartiere di Estácio, sul morro de São Carlos. Le sue vie hanno accolto i bohémiens carioca, hanno visto  Ismael Silva  fondare la prima scuola di samba della città, la Deixa Falar e permesso che germogliasse il talento di uno degli artisti che ha saputo coniugare la vecchia tradizione del samba alle nuove tendenze della musica brasiliana: Luiz Melodia. Figlio di Oswaldo, sambista della prima ora, Luiz arriva sui grandi palchi del Paese grazie al suo grande talento a ad una serie di fortuiti eventi. Come lui stesso dice, quello che oggi...

Continua...

Rosa Emilia Dias

Da Salvador a Venezia il passo è breve e si riassume nella carriera artistica di Rosa Emilia Dias, cantante e compositrice brasiliana, che da oltre vent’anni contagia il Belpaese con lo swing della sua terra. Il viaggio nella storia di questa straordinaria artista, però, non prevede due sole tappe – Salvador e Venezia, ma fa sosta anche a Rio de Janeiro e Milano. Quattro tappe insomma, una per ogni città, per riassumere la carriera della Dias. Tutto inizia a Salvador, sua terra natia, dove Rosa Emilia non solo assapora la matrice africana della musica brasiliana attraverso il canto della nonna, ma si proietta, ancora adolescente,...

Continua...

Luis Carlinhos

Carioca, classe ’75, Luis Carlinhos vanta due decadi di carriera artistica e diverse collaborazioni importanti alle spalle. In piena adolescenza, il compositore di Rio de Janeiro, poteva attingere direttamente alla fonte della grande musica brasiliana. In quell’epoca, infatti, era solito frequentare la casa di Morares Moreira. Insieme a Davi, figlio di Moreira, Carlinhos ha vissuto la prima esperienza da musicista con la band Sondagem da Terra. La carriera artistica da professionista, però, inizia qualche anno dopo, negli anni ’90, con l’esperienza dei Dread Lion, band reggae brasiliana. Con il gruppo Carlinhos lancia due dischi, Porque não paz? e Já é. Entrambi i...

Continua...

Fiorella Mannoia

Quando si pensa al nome di Fiorella Mannoia, subito vengono alla mente alcune canzoni che ne hanno accompagnato la carriera. Tra queste, Quello che le donne non dicono,  Sally o, ancora, Il Cielo d’Irlanda. Musica italiana, non c’è che dire. Fiorella è una delle più brillanti artiste che il panorama musicale italiano abbia mai conosciuto che, però, sin dal 1999, si concede un pizzico di brasilianità. Nel disco Certe Piccole voci, infatti, la “Rossa” – come la chiama  Francesco De Gregori – inserisce il brano Oh Che sarà, versione italiana di O que será di Chico Buarque. La traduzione in italiano porta la...

Continua...

André Mehmari

André Mehmari, fluminense, è una delle poche persone in cui la musica può considerarsi carattere autosomico dominante, trasmesso da madre a figlio. Solo così, infatti, può spiegarsi il suo innato talento senza essere costretti a ricorrere a fenomeni paranormali. La brillante carriera di Mehmari, infatti, inizia all’età di undici anni. A tredici già compone. A quindici insegna organo al conservatorio di São Paulo e pubblica un metodo per pianoforte. Suonare, per André, è come respirare, un atto semplice e involontario. E se alla naturalezza del gesto si aggiunge lo studio intenso, il risultato non può che essere sublime, come ogni nota che le...

Continua...

Franco Fontana – parte 2

Cesarina Sandra, “Oba Oba, non solo nudo – Al ritmo di samba e lambada la storia del Brasile” Corriere della Sera 8 ottobre 1993 pag. 49 Stampa. “Sexy”, “Esotico, torrido, scintillante!”, sono gli entusiastici commenti che hanno accompagnato lo show “Oba Oba” durante la lunga tourne’ e che ha toccato le piu’ importanti citta’ statunitensi, compresa Broadway, il tempio del musical a New York. Dopo sette anni, di cui sei trascorsi in America, lo spettacolo prodotto da Franco Fontana, torna in Italia sensibilmente cambiato: non solo ballerine seminude e balli provocanti, ma anche numeri acrobatici, costumi sfarzosi, danze e...

Continua...

Tati Valle

Brasiliana, e su questo non v’è dubbio. Tati Valle è nata a Londrina, in Paraná, Brasile. Eppure il Belpaese l’ha accolta da ormai tanti anni che possiamo considerarla anche un po’ italiana. Per fortuna, si potrebbe aggiungere. Perché Tati Valle è un’artista di grande spessore, una compositrice sensibile e un’interprete raffinata. Il suo percorso artistico affonda le radici nella terra natia dove dall’età di nove anni studia chitarra. La voce arriva poco più tardi. Tra le collaborazioni più importanti che Tati ha avuto in Brasile figurano quelle con Adauto Mesquita e Filipe Barthem. Giunta in Italia nel 2007, la Valle si è subito immersa nel contesto...

Continua...

Mônica Salmaso

Tra le voci più belle e raffinate del Brasile, quella di Mônica Salmaso potrebbe definirsi quasi unica per quel particolare lirismo che impregna ogni nota cantata sin da inizio carriera, nel 1989. Durante quest’anno, Mônica debutta nello spettacolo O Concílio do Amor diretto da Gabriel Villela. Il primo disco, però, arriva solo nel 1995. Accompagnata dalla chitarra di Paulo Bellinati, la Salmaso registra, in una rilettura voz e violão, la collezione completa degli afro-sambas scritti da Baden Powell e Vinicius de Moraes. Tre anni più tardi, Trampolim è il primo disco dell’artista come solista. Il lavoro vede la Salmaso accompagnata da musicisti del calibro...

Continua...

Franco Fontana

Se si cerca su Google il nome di Franco Fontana, le uniche informazioni che si trovano sono quelle relative al noto fotografo italiano. Dell’omonimo impresario, nessuna traccia. Nemmeno Wikipedia, che pure è satura pagine a illustri sconosciuti, dedica una pagina a Fontana. Eppure, a questi, la musica italiana e quella brasiliana devono tanto. Certo la sua carriera è iniziata quasi per caso, ma a Franco ha il merito di aver sdoganato la musica dal vivo e di aver diffuso la musica brasiliana bel Belpaese. Erano gli anni’60 quando il giovane avvocato Fontana organizzava spaghettate genovesi con gli allora sconosciuti Fabrizio De André e Paolo Villaggio. Franco...

Continua...

Paula Lima

La traiettoria musicale di Paula Lima è decisamente variopinta, esattamente come la città che l’ha vista crescere e che, senza ombra di dubbio l’ha influenzata: São Paulo. Qui l’incontro di culture diverse, di popoli, di lingue si condensa in musica, soprattutto in quei generi che non si definiscono squisitamente brasiliani ma che sono l’espressione autentica della capitale economica del Brasile. Ed è da questi generi che Paula Lima ha iniziato il suo viaggio musicale, dall’hip-hop e dal funky con la prima band, Unidade Móvel, e, in seguito, con il gruppo Funk Como Le Gusta. L’esigenza di esprimere il proprio essere brasiliana, però, si...

Continua...

Fernanda Porto

Fernanda Porto, paulistana d.o.c., è l’espressione più autentica del drum&bass brasiliano. La sua rotta artistica, però, non si limita a divulgare questa cultura musicale nel Paese del samba. Si spinge, piuttosto, a miscelare il groove anglosassone con il samba stesso, ottenendo un suono innovativo e personalissimo. Ovviamente, in qualità di vera antesignana del genere, l’inizio di carriera di Fernanda Porto si realizza nell’ underground paulistano tra un concerto e una colonna sonora. L’artista è una delle compositrici di colonne sonore per spot e film più apprezzate di São Paulo. Inoltre, la sua naturale propensione alla composizione, la sua estrema familiarità con diversi strumenti...

Continua...

Criolo

Figlio della zona est di São Paulo, come egli stesso si definisce, Kleber Cavalcante Gomes, meglio conosciuto come Criolo, è la voce della periferia, degli emarginati, che tuona potente per il Brasile e oltre. Criolo è la genialità della musica popolare trasformata in hip-hop, la capacità di vestire un abito, diciamo così, di importazione secondo canoni squisitamente verdeoro, la capacità di rendere brasiliano qualcosa che di brasiliano non ha proprio niente. E il risultato è stramaledettamene di qualità. Così il portoghese si adatta alle dinamiche made in USA quasi meglio dell’inglese. D’altra parte, qualunque sia la lingua, la base comune dell’hip-hop è la voglia di...

Continua...

Dori Caymmi

Chiamarsi Caymmi implica molte cose. É un nome importante, Caymmi, che subito porta alla memoria la grande musica brasiliana. Quella di O Que é Que a Baiana Tem o, ancora, Samba da Minha Terra, Saudade da Bahia, É Doce Morrer no Mar, e si potrebbe continuare all’infinito. Perché Caymmi è, in fin dei conti, la musica brasiliana. Ma qui non si parla di Dorival o, meglio, non si parla solo di lui. Si parla di una famiglia creata sotto una buona stella, si parla di come, a volte, la musica sia quasi un carattere ereditario. E, allora, viene da pensare...

Continua...

Adriana Calcanhotto

Molti credono che il solo fatto di essere nati a Porto Alegre sia quasi un marchio di fabbrica. Secondo questa logica, per una cantante come Adriana Calcanhotto il paragone, seppur lusinghiero, con Elis Regina è spontaneo almeno quanto errato. Nonostante entrambe siano nate nella capitale del Rio Grande do Sul, infatti, il percorso musicale intrapreso è sostanzialmente diverso. Sicuramente la Calcanhotto è stata fortemente influenzata da Elis – quale artista brasiliana non lo è stata? – soprattutto grazie alla passione profonda della mamma per la Pimentinha nazionale, ma questo non giustifica il fatto che alcuni, soprattutto ad inizio carriera, definirono la Calcanhotto la nuova...

Continua...

Ney Matogrosso

Nella storia che raccontiamo, il nome dei Kiss appare di sfuggita, per un attimo. Poi sparisce. Perché quando le facce dipinte di nero e di bianco del gruppo statunitense ancora non hanno colorato nessun palco, in Brasile i Secos e Molhados hanno già lanciato un disco, considerato ancora oggi tra i più belli della musica brasiliana. Loro, i Secos e Molhados, non i Kiss, avevano dipinto il viso di nero e di bianco, già nel 1971. I loro costumi, le loro esibizioni, incantavano i brasiliani. Il loro cantante, un ragazzo esile, stravagante, irriverente, con quella voce acuta, ammaliava gli uditi più critici....

Continua...

Zeca Baleiro

È inutile cercare di classificare la musica di José Ribamar Coelho Santos, in arte Zeca Baleiro, perché l’artista, maranhense di nascita ma paulistano d’adozione, sfugge ad ogni tentativo di etichettatura. Dopotutto Zeca può esse considerato un eclettico, uno sperimentatore. Merito di questa caratteristica è sicuramente la realtà del Maranhão, stato tra in nord e il nordest del Brasile, che per la sua particolare collocazione geografica risente dell’influenza della musica nordestina, certamente, ma anche di quella dei Caraibi, del reggae. Al background maranhense si aggiunge poi l’influenza che la città cosmopolita per eccellenza, São Paulo, ha avuto sull’artista Baleiro. Trasferitosi nella...

Continua...

Toquinho

Al secolo Antonio Pecci Filho, la madre lo ha sempre chiamato Toquinho ed è questo il nome con il quale il grande pubblico lo conosce. Artista di fama internazionale, la carriera di Toquinho è indissolubilmente legata all’Italia, se non per le chiare origini italiane, almeno per le importanti esperienze che l’artista brasiliano ha vissuto nel Belpaese. Chitarrista eccelso e compositore esperto, Toquinho si distingue per la sua straordinaria capacità di raccontare la vita in  modo fresco e originale anche quando la si deve raccontare ad un bambino. Aquarela ne è la dimostrazione. Tra i suoi album più belli ricordiamo...

Continua...

Gilberto Gil

Nel complesso panorama musicale brasiliano, Gilberto Gil è un tassello importante non solo per gli oltre 50 anni di carriera alle spalle ma, soprattutto, per il costante impegno profuso nel processo di modernizzazione della música popular brasileira che passa attraverso il movimento tropicalista o, ancora, la riscoperta delle sonorità tipicamente nordestine, l’incontro degli strumenti tradizionali con quelli elettrici tipici della tradizione pop anglo americana. Viene da pensare, insomma, che senza Gil la musica brasiliana probabilmente non sarebbe quella che conosciamo oggi. Se, per una serie di eventi, Gil avesse deciso di continuare a lavorare nella Gessy Lever di São...

Continua...

Ana Clara Horta

Nell’ immenso panorama della Mpb, quella cantata dalle donne, cerca il suo spazio anche Ana Clara Horta con il suo primo disco dal titolo Órbita (Biscoito Fino 2011). Ricche di influenze e di spunti interessanti, le undici tracce proposte da Ana Clara ben si inquadrano in quella che potrebbe essere definita “nuova mpb”  la cui caratteristica principale è rappresentata dalla diversità. Esattamente quello che arricchisce le composizioni della giovane artista brasiliana, spesso diverse tra loro ma frutto della stessa penna. Delicata e equilibrata, Ana Clara non risulta mai stucchevole né ostentata, appare piuttosto a suo agio davanti nell’esecuzione dei...

Continua...

Flavia Santana

Se il tuo bisnonno ha accompagnato Carmen Miranda, se tuo padre è un musicista e compositore di talento, è difficile che tu scelga di fare un lavoro diverso da quello del musicista. E infatti, Flavia Santana, carioca classe’77, ha fatto la scelta che chiunque si sarebbe aspettata da lei: diventare una cantante grintosa e ricca di swing. Cresciuta da sempre in un clima musicale, Flavia dall’età di diciassette anni porta avanti un progetto artistico ricco di collaborazioni importanti, come quelle con Danilo Caymmi, Claudinho e Bochecha, Grupo Revelação, Dudu Nobre, Sandra de Sá, Fernanda Abreu, Preta Gil, Alcione e Belo....

Continua...

Hermeto Pascoal

Rumore. Suono. Per Hermeto Pascoal, nessuna differenza, due facce della stessa medaglia. In questo senso, l’albino pazzo, come lo chiamava Miles Devis, nasce musicista e compositore, considerando egli stesso il suo primo vagito come la sua prima vera composizione, perché, a suo Hermeto, l’essere musicista è uno stato di spirito che si raggiunge nello stesso istante in cui si viene alla luce. L’artista alagoense – dello stato di Alagoas – ne è la prova. Da quel vagito, infatti, l’albino pazzo non si è più fermato. Da bambino, era solito costruire pifferi in canna con i quali suonava per gli uccellini...

Continua...

Yamandu Costa

Passo Fundo, Rio Grande do Sul, 1980. Con una madre cantante, Clari Marcon, e un padre chitarrista e trombettista, Algacir Costa, Yamandu nasce sotto la buona stella della musica. È quasi impossibile distinguere il momento in cui il bambino si fa  musicista navigato. È come se le due anime, quella di pargolo e quella di artista, si siano affacciate alla vita pressappoco negli stessi anni. Yamandu Costa, infatti, abbraccia la musica a soli quattro anni e la chitarra classica a otto, sotto la guida di un prestigioso amico di famiglia, Lúcio Yanel, virtuoso chitarrista argentino a cui il piccolo...

Continua...

Gilda Mattoso

Osservare la musica popolare brasiliana da un altro punto di vista è privilegio di pochi, soprattutto quando la prospettiva mostra quello che sul palco non arriva mai. Gilda Mattoso questa prospettiva la conosce bene perchè non si è limitata ad osservare la MPB da un angolazione privilegiata, lei si è resa partecipe dei cambiamenti, dell’evoluzione, dell’innovazione di un certo modo di fare musica che oggi chiamiamo bossa nova o MPB. Perché Gilda non solo ha lavorato con Franco Fontana per esportare la cultura brasiliana in Europa, non solo ha accompagnato, tra i tanti, Caetano Veloso, Gilberto Gil, Tom Jobim,...

Continua...

Oswaldo Montenegro

Oswaldo Montenegro è carioca ma la sua musica è il frutto dell’incontro tra due realtà sostanzialmente diverse: São João del Rei, Minas Gerais, e Brasilia. Attraverso queste due città, infatti, l’artista brasiliano ha potuto nutrirsi di musica barocca e serenate bohémienne, prima, e rock, blues e musica nordestina, dopo. La famiglia Montenegro si trasferisce a São João del Rei nei primi anni sessanta, anni in cui  Oswaldo si avvicina allo spirito seresteiro di Minas. Grazie alla frequentazioni che il padre intrattiene con la bohème della città, infatti, il giovane Oswaldo potrà vivere da protagonista le serestas – serenate – che...

Continua...

Thobias da Vai-vai

Come nella migliore tradizione carnevalesca, chi calca il sambodromo da protagonista spesso vede il nome della scuola di samba accostato al proprio, in un binomio indissolubile e caratterizzante. È così che  nascono i nomi di Martinho da Vila e Paulinho da Portela  a Rio de Janeiro o di  Thobias da Vai-vai a São Paulo. Thobias, paulistano doc, inizia la sua carriera all’inizio degli anni ottanta quando, quasi per caso, partecipa ad un festival musicale organizzato dall’azienda in cui lavora, vincendo il premio di miglior interprete. Era il 1982. Nel 1983, Thobias viene arruolato come cantante nel gruppo Gaviões da Fiel, diventando...

Continua...

Arnaldo Antunes

Nato a São Paulo il 2 settembre del 1960, Arnaldo Antunes è, da sempre, artista eccentrico, capace di condensare arte visiva, poesia e musica in un unico elemento espressivo in cui la parola, la lingua, è musa ispiratrice prima ancora di essere mezzo di comunicazione. La carriera di Antunes inizia in quello che da molti verrà ricordato come il decennio perduto, gli anni 80. La collaborazione con l’artista plastico José Roberto Aguilar, con il quale fonda la Banda Performatica, offre la possibilità al giovane Arnaldo di confrontarsi con palchi importanti. Le performance che il gruppo porta in scena sono...

Continua...

João Rabello

Sicuramente Rabello non è un cognome che passa inosservato eppure, questa volta, non si parla del celebre Rafael, ma di suo nipote João. Anch’egli virtuoso delle sei corde, il giovane Rabello non deve l’estro artistico solo allo zio ma anche al padre, il principe del samba Paulinho da Viola. Nonostante abbia intrapreso la carriera artistica all’età di 16 anni, grazie ad un lavoro sul compositore Nicanor Teixeira registrato nel 1998 e presentato nel 2001 nella sala Baden Powell di Rio de Janeiro, João ha iniziato a prendere confidenza con il pubblico pochi anni più tardi quando si è ritrovato...

Continua...

Ivan Lins

Ivan Lins, classe  45, carioca, è probabilmente tra i musicisti brasiliani che più si sono lasciati contaminare dalle sonorità nord americane. I primi anni dell’infanzia trascorsa a Boston hanno contribuito fortemente, infatti, alla formazione del giovane Ivan che, anni più tardi, ha dato un’ impronta internazionale alle proprie composizioni. Anche per questo, il repertorio di Ivan ha da sempre affascinato i grandi nomi della musica mondiale. Artisti del calibro di George Benson, Ella Fitzgerald, Sarah Vaughan, Carmen MacRae e Barbra Streisand, Quincy Jones hanno voluto riproporre molte delle canzoni celebri di Lins. Proprio Quincy Jones è al centro di...

Continua...

Domenico Lancellotti

I ritmi quelli tipici della musica popolare brasiliana, i suoni ricchi di sperimentazioni, le tematiche quelle della vita o quelle di un film che racconta la vita. Un film lungo dieci tracce, Cine Privé è il primo disco da solista di Domenico Lancellotti, poliedrico percussionista brasiliano già noto agli appassionati del genere per essere il percussionista di Adriana Calcanhotto prima e di Gal Costa ora. Il carioca di origini italiane fonde tradizione e innovazione in un lavoro che si porta dietro un bagaglio di esperienze importanti. Oltre a quella con la Calcanhotto, che pure partecipa al disco cantando il refrain...

Continua...

Ci trovi su Musicajazz

Video recenti

Loading...

Iscriviti

Con il sostegno di

Pin It on Pinterest

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: